Seiðr – Di Undici Foglie – Dino Olivieri

Il Seiðr (detto in italiano anche Seid o Seidhr) è una sorta di magia sciamanica di tradizione antico nordica e germanica, che consentiva di assumere “il più grande potere”. Secondo i miti questa era una pratica di origine Vanir che fu insegnata da Freya ad Odino.

Buona parte della magia Seiðr si basa sulla comunicazione con gli spiriti e potremmo trovare una sorta di analogia con il concetto di Mana melanesiano. Essa permetteva di prevedere il futuro, ma anche di dispensare morte, sventura e malattia. Con la pratica del Seiðr era infatti possibile privare un individuo della sua forza e della sua intelligenza per trasmetterle a qualcun altro.

La Pratica del Seiðr

È una pratica stregonica o di cura utilizzata da singole individualità, quasi sempre di sesso femminile (seiðkona = donna che usa il Seiðr). Infatti sebbene le attestazioni riguardanti i caratteri e le tecniche rituali non risultino essere facilmente reperibili, sembra che gli “atteggiamenti femminili fossero tanto numerosi che gli uomini si vergognavano di praticarla; allora si insegnò quest’arte alle sacerdotesse” (cit. Lanczkowski).

Nella Lokasenna, Loki viene accusato dagli altri dei di praticare il Seiðr e quindi di tenere atteggiamenti effeminati, Loki risponde facendo notare che anche Odino in molte occasioni si è accostato al Seiðr. Tradizionalmente Seiðr non distingue tra magia buona o cattiva (bianca o nera) e non concerne la pratica magica delle rune.

Snorri Sturluson parla delle origini mitologiche del Seiðr nella Saga degli Ynglingar. Egli connette il Seiðr con le divinità Vanir, nella fattispecie è Freyja che ha insegnato il Seiðr agli Æsir. Questo termine è usato anche nel moderno paganesimo Ásatrú per indicare la pratica magica.

La Saga degli Ynglingar

La Saga degli Ynglingar è la prima parte dell’opera di Snorri sugli antichi re norvegesi, l’Heimskringla. Narra della storia più antica degli Ynglingar (gli “Scylfings” del Beowulf); fu tradotta per la prima volta in inglese e pubblicata nel 1844.

La saga narra dell’arrivo degli dei norreni in Scandinavia e di come Freyr fondò la dinastia degli Ynglingar a Uppsala. Poi la saga segue la linea dei re svedesi fino a Ingjald, dopo cui i suoi discendenti si stanziarono in Norvegia e divennero gli antenati del re norvegese Harald il Chiaro.

Collegamenti esterni

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Seiðr

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi